web analytics

London calls Torino risponde

Un web-magazine di Guido Barosio, Alessandro Defilippi e Antonina Sciortino

ITALIA – INGHILTERRA NON E’ MAI UN’AMICHEVOLE .2

scansione-30Rid

Per sconfiggere gli inglesi si dovettero attendere altri 25 anni. E l’impresa, come curata da una regia sorprendente, avvenne proprio a Torino. Coincidenza altrettanto curiosa, non si tratto di una ‘semplice amichevole’ ma della gara per celebrare i 75 anni anni della FIGC; nel ’49 lo storico ‘cappotto’ era avvenuto per ricordare il cinquantesimo anniversario della nostra Federazione. In estrema sintesi: torta con candeline…un quarto di secolo più tardi. In quel 14 giugno del 1973 io c’ero, a 15 anni, ‘corpo unico’ con tanti altri fedeli nella ‘mia’ Curva Maratona. Sole, caldo africano, l’attesa per una vittoria ‘attesa’ da 40 anni, davanti la coppia d’attacco ‘Anastasi – Pulici’: orgoglio di una città che dominava nuovamente la scena calcistica.

scansione-28-Rid

Nei giorni precedenti noi ragazzi a spiare la rifinitura dei bianchi al Filadelfia, dove palleggiava il leggendario Bobby Moore agli ordini di sir Alf Ramsey, entrambi campioni del mondo nel ‘66. Fu la partita perfetta. Dominata dai nostri con giocate di alta qualità, freddezza, lucidità in ogni reparto. Difesa invalicabile, attacco imprevedibile. Rivera creò per magia il ‘corridoio assoluto’ per Pupi: respinta di Shilton, gol di Pietruzzo. Nello ripresa ancora Juve-Toro: assist di testa firmato Pulici, raddoppio di Capello. Apoteosi. La prima volta non si scorda mai. Era una squadra azzurra apparentemente invincibile che ‘ballò una sola estate’.

FotoEstratta3

Mazzola, Rivera e Facchetti giocavano insieme ai giovani leoni, in panchina sedeva la ‘Zio Uccio’ Valcareggi. C’erano ancora tutti i grandi ‘messicani’ che – l’anno successivo – persero lo smalto ai mondiale tedeschi di fronte al ‘nuovo calcio’ di Olanda, Germania e Polonia. Ma quel 14 giugno Torino era meravigliosa, nello stadio non sarebbe entrato uno spillo, si stava pigiati pigiati in piedi sugli spalti e ai gol (letteralmente) si volava sfidando la legge di gravità. I bianchi erano rossi dal caldo e dalla fatica, gli azzurri guerrieri talentuosi che dominavano la scena. C’ero anche nel 1980. Campionati europei, sempre caldo (ma di notte), sempre giugno (ma il 15). Partita dura, tesa, tattica, gol di Tardelli, vittoria soffertissima resa inutile da un Belgio sparagnino che ci impose lo 0 a 0 a Roma solo 3 giorni dopo. Finale continentale sfumata per l’Italia di Bearzot, ma il ruggito dei 60mila del Comunale contro i bianchi di Keegan e Woodcock resta indimenticabile.

FotoEstratta4

Per la cronaca il gol lo subì sempre Shilton, come 7 anni prima… Dopo, di lezioni ne abbiamo impartite tante. La nazionale dei leoni le ha sempre prese nelle gare che contavano: ricordate il gol di Zola ‘genius in the box’ a Wembley nel 97? il gol di Gattuso? (ancora a Torino, amichevole, e loro avevano Beckham…) il 15 novembre del 2000)? E l’Inghilterra di Rooney dominata agli Europei del 2012? Tanto tanto azzurro, anche questa estate a Manaus nell’ultimo match: ‘girone di ferro’, Italia eliminata (dopo) ma impeccabile nell’interpretare (prima) ‘Rumble in the Jungle’, la sfida tropicale tanto attesa dai tabloid inglesi.

FotoEstratta1

Verrebbe da dire ‘va sempre allo stesso modo’; ma non è detto. Italia – Inghilterra non è mai un’amichevole. Perché, semplicemente, ‘è la storia’. Sarà così anche il 31 marzo: capitolo 26 di una saga lunga 82 anni. Atto quinto del capitolo torinese; da Mortensen a Gattuso, passando attraverso Pulici, Anastasi e Tardelli, questa volta chi salirà in cattedra? Noi concludiamo proponendovi i tabellini dei confronti torinesi e lo splendido quadro che l’artista Silvio Vigliaturo ha dedicato ad Italia Inghilterra del 31 marzo. La gara che non sarà mai un’amichevole…

 

Vigliaturo
I MATCH DI TORINO
16 maggio 1948
ITALIA-INGHILTERRA 0-4
Reti: 4′ Mortensen, 23′ Lawton, 70′ e 72′ Finney.
Arbitro: Escartin (Spagna).
Italia: Bacigalupo, Ballarin, Eliani, Annovazzi, Parola, Grezar, Menti, Loik, Gabetto, Mazzola,
Carapellese.
Ct: Pozzo
Inghilterra: Swift, Scott, Howe, Wright, Franklin, Cockburn, Matthews, Mortensen, Lawton, Mannion, Finney.
Ct: Winterbottom.

14 giugno 1973
ITALIA-INGHILTERRA 2-0
Reti: 38′ Anastasi, 52′ Capello.
Arbitro: Stanev (Bulgaria).
Italia: Zoff, Sabadini, Facchetti, Benetti, Morini (dal 46′ Bellugi), Burgnich, Mazzola, Capello, Anastasi, Rivera, Pulici (dal 71′ Causio).
Ct: Valcareggi.
Inghilterra: Shilton, Madeley, Hughes, Storey, McFarland, Moore, Currie, Channon, Chivers, Clarke, Peters.
Ct: Ramsey.
15 giugno 1980
ITALIA – INGHILTERRA 1 – 0
Reti: Tardelli 79′
Arbitro: Rainea (Romania)
Italia: Zoff, Gentile, Tardelli, Benetti, Collovati, Scirea, Causio (88 G.Baresi), Oriali, Graziani, Antognoni, Bettega
Ct: Bearzot
Inghilterra: Shilton, Neal, Sansom, Wilkins, Watson, Thompson, Coppell, Keegan, Birtles (75 Mariner), Woodcock, Kennedy
Ct: Greenwood
ITALIA-INGHILTERRA 1-0
Reti: 13′ st Gattuso.
Arbitro: Puhl (Ungheria).
Italia: Buffon; Cannavaro, Nesta (22′ st Adani), Maldini (29′ st Bertotto); Di Livio (7′ st D.Zenoni), Gattuso, Albertini (7′ st Di Biagio), Coco; Fiore; F.Inzaghi (28′ st Del Piero), Delvecchio (16′ st S.Inzaghi).
Ct: Trapattoni.
Inghilterra: James; Southgate, G.Neville, Ferdinand; Barry (28′ st Phillips), Beckham, Dyer (36′ Fowler), Butt (25′ pt Carragher), Parlour (33′ st Anderton); Heskey (28′ st Johnson), Barmby.
Ct:Taylor.

Condividi l'articolo
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento